Carignano


Dove viene coltivato: il Carignano è un vitigno a bacca rossa coltivato prevalentemente nella zona del Sulcis, nella Sardegna sud-occidentale. La sua superficie di coltivazione rappresenta appena il 7% del totale regionale; nonostante la sua limitata diffusione è certamente uno dei vitigni più interessanti dell’enologia sarda. Il vitigno ha una forte resistenza ai venti marini, che gli ha consentito di attecchire e svilupparsi sui terreni sabbiosi e assolati del Sulcis.

Un po’ di storia: si suppone che possa essere stato introdotto sull’isola dai Fenici, attraverso l’antico approdo di Solky, le cui rovine sono ancora visibili nell’isola di Sant’Antioco. L’ipotesi sarebbe supportata dalla presenza del vitigno anche in altre regioni viticole del Mediterraneo interessate da insediamenti fenici, come Tunisia, Marocco e Algeria. Una seconda ipotesi lega la sua introduzione al periodo aragonese, in considerazione del fatto che il vitigno viene denominato anche con il nome dialettale di Axina de Spagna. Il Carignano è presente anche in Spagna e in Francia.

Sul mercato: in Sardegna viene utilizzato per la vinificazione e la produzione della DOC Carignano del Sulcis (riconosciuta nel 1977) e di diverse IGT.

Come lo riconosci: è un vino longevo, dal colore rubino intenso e brillante, caratterizzato da profumi caldi e avvolgenti e sentori leggermente vegetali. Il gusto è secco, sapido, pieno e persistente.

Abbinamenti in cucina: un connubio di grande armonia con arrosti di carni rosse, cacciagione in umido, formaggi a lunga stagionatura sapidi e aromatici.

I VITIGNI DI SARDEGNA

Da una delle più antiche tonnare del Mediterraneo a spiagge dalla sabbia finissima, dall’immensa foresta del Parco del Sulcis fino a reperti archeologici di 5mila anni fa.